Vai a…

News Leaks Global

RSS Feed

16 novembre 2018

Orrore Isis | trovati 42 corpi in una fossa comune


Orrore Isis | Una fossa comune con i corpi di 42 persone giustiziate dall’Isis è stata trovata a Palmira. Lo affermano fonti dell’esercito siriano citate da Al Arabiya in un tweet. La notizia non è verificabile in maniera indipendente sul terreno.

Orrore Isis | trovati 42 corpi in una fossa comune

Difficile anche la conferma di quanto riportato, da fonti militari curdo-irachene secondo cui l’«esperto di missili e mortai» dell’Isis in Iraq è stato ucciso in un raid aereo nei pressi di Mosul, roccaforte jihadista nel nord dell’Iraq.

Secondo il sito Internet curdo-iracheno Rudaw, Abdel Aziz Hasan, meglio noto come Jasim Khadija, è stato ucciso nel distretto di Ghyarah vicino Mosul in un bombardamento aereo della Coalizione anti-Isis guidata dagli Usa. Non è chiaro quando il leader jihadista sia stato ucciso, ma nei giorni scorsi il Pentagono aveva diffuso la notizia dell’uccisione di tre leader militari di spicco dello Stato islamico.

Mentre l’esercito siriano sta disattivando le mine collocate dallo Stato islamico all’interno della città, i media hanno riferito del rinvenimento di 42 corpi in una fossa comune nella periferia nord-orientale della città moderna di Palmira.

Nella fossa comune sono stati ritrovati i corpi di molte donne e bambini e alcuni cadaveri sono decapitati e altri mostrerebbero evidenti segni di tortura

L’esercito siriano ha riconquistato Palmira una settimana fa, dopo che la città era rimasta nelle mani dell’Isis per oltre 10 mesi.

Palmira con la sua antica cittadella, considerata uno dei 6 siti del Patrimonio Mondiale dell’Unesco in Siria, è finita sotto il controllo dei terroristi islamici del Daesh a partire dalla metà di maggio nel 2015, liberata dall’esercito siriano il 27 marzo. La Sana ipotizza che i cadaveri risalgano a un massacro commesso dall’Isis a maggio 2015, quando uccise oltre 400 persone.

La fonte ha infine aggiunto che secondo le prime valutazioni degli esperti, ci vorranno 5 anni per restaurare i monumenti distrutti e fatti esplodere dai miliziani del Califfato.

Nel frattempo, continuano gli scontri nella periferia nord-orientale, dove gli jihadisti si sono nascosti.

® Scritto da: F. LUSSU ®

© Articolo protetto da copyright ©

© Contiene il “Diritto Di Corta Citazione” ©

Il sito internet www.newsleaksglobal.com viene costantemente aggiornato dalla redazione online, allo scopo di diffondere l’informazione 

facebook News Leaks Global

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About News Leaks