Vai a…

News Leaks Global

RSS Feed

16 novembre 2018

Studente Autistico escluso dalla gita


Studente Autistico escluso dalla gita perchè autistico, rivolta in Rete.

Giulio ha 14 anni, come ogni mattina è arrivato a scuola ma ha trovato la classe vuota.

Lʼistituto si difende: un equivoco. La madre: “Nessuno ci ha avvisati”.

Studente Autistico: escluso dalla gita

Il messaggio scritto su Facebook da Giulio: “La mia classe oggi è in gita, io no… Nessuno ha avvisato la mia famiglia quindi sono andato a scuola regolarmente e mi sono trovato solo, peccato mi sarebbe piaciuto molto passare una giornata all’aria aperta, con i miei compagni, in pullman, mi piace tanto il pullman…

Ma qualcuno ha deciso che questa giornata non era adatta per me. Ci sono rimasto molto male. Avrei potuto essere felice oggi… Invece…”.

Un post che, come detto, ha scatenato molte reazioni. A partire da Palazzo Chigi: “Mandiamo un abbraccio a Giulio e a tutte le persone che vivono sulla propria pelle la sofferenza dell’ingiustizia”, ha detto il presidente del Consiglio.

Una vicenda che non ha lasciato indifferenti. La Rete si è ribellata lanciando l’hashtag #iosonogiulio.

Studente Autistico: La scuola si difende: “E’ stato un equivoco”. Ma non basta a placare l’indignazione. La scuola, dal canto suo, prova a fermare, con scarsi risultati, l’ondata di indignazione. Dapprima parla di errore di comunicazione. Poi chiarisce, come riporta il Corriere della Sera: “E’ stato sempre fatto tutto in accordo con la famiglia del bimbo”.

La mamma del 14enne, però, racconta tutta un’altra storia: “La scuola ha deciso per me e per mio figlio ed è inammissibile. Mi hanno detto la mattina stessa che Giulio sarebbe stato da solo in classe perché i suoi compagni erano in gita, nessuna comunicazione da scuola per informarmi della gita, sono arrabbiata, indignata, con la preside, i professori…

Stamattina quando ho accompagnato Giulio a scuola nessuno mi ha detto nulla, come se niente fosse accaduto. Loro insistono col dire di avere una comunicazione firmata da me ma non è così, ho controllato anche il diario di mio figlio e non c’è nessuna firma. L’istituto si tutelerà ma io non ho apposto nessuna firma”.

Inizia così lo sfogo di Sandra, la mamma di Giulio. “Io martedì, come tutti i giorni, ho accompagnato Giulio ma mentre eravamo in auto mi ha telefonato una delle due insegnanti che lo segue e mi ha detto che il progetto di inclusione ‘Quasi teatro’, sovvenzionato da Autismo Livorno onlus, non si sarebbe tenuto in quanto i ragazzi erano in gita. Io, a quel punto, sono andata in classe ed ho lasciato Giulio con la sua insegnante.

Ho chiesto un incontro con una delle due e mi hanno solo detto che la gita a Larderello non era adatta a lui e che avevano dimenticato di avvisarmi. Alla domanda di chi fosse stata la decisione di tenere fuori mio figlio mi è stato risposto che si trattava di una decisione del consiglio di classe. Se me lo avessero detto per tempo io o mio marito avremmo accompagnato Giulio in gita”.

La donna, con l’associazione che si occupa di autismo di cui è anche presidente, combatte ogni giorno per l’inclusione di suo figlio e dei tanti ragazzi e ragazze che si trovano nella sua stessa situazione.

“Ci sono tanti Giulio in Italia e non è giusto che vengano esclusi. Noi genitori ci mettiamo la faccia per difendere i nostri figli e per far sì che l’inclusione si realizzi sul serio e non solo a parole.

Mi chiedo, da questa storia, che insegnamento hanno avuto i compagni di classe di Giulio. Mio figlio andrà a scuola fino a quando non finirà e farà tutte le ore a cui ha diritto”.

® Scritto da: F. LUSSU ®

© Articolo protetto da copyright ©

© Contiene il “Diritto Di Corta Citazione” ©

Il sito internet www.newsleaksglobal.com viene costantemente aggiornato dalla redazione online, allo scopo di diffondere l’informazione 

facebook News Leaks Global

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About News Leaks