Vai a…

News Leaks Global

RSS Feed

16 novembre 2018

Giacobbe Fragomeni Storia e Origini | La Famiglia la Box il Ring


Giacobbe Fragomeni, un vero pugile, un campione, signore, altruista, generoso, mai polemico mai sopra le righe dotato di Humor e autoironia. Tutte doti che, sull’Isola dei Famosi nessuno, prima di lui, aveva portato con sé dall’Italia

Prendete esempio, opinionisti del niente, attori senza film, modelli senza set, storici senza storia: essere signori, si può, l’esempio lo avete sotto gli occhi e si chiama Giacobbe Fragomeni.

Quello che oggi è Giacobbe è frutto di un percorso travagliato, doloroso, ricco di avvenimenti tragici, che hanno profondamente segnato Fragomeni.

All’età di 47 anni il campione è un compagno e un padre sereno, con il sogno di aprire un centro sportivo dedicato ai ragazzi più sfortunati.

Da ragazzo l’hanno soprannominato “il Gabibbo”, ma a lui non è mai piaciuto, ne avrebbe voluto uno più spietato per il ring.

Allora il nome di battaglia se l’è dato da solo.

Giacobbe FragomeniLe vicende assomigliano a quelle degli eroi di una fiaba, solo che gli eroi del ring sono buoni e cattivi, protagonisti e antagonisti allo stesso tempo. Le voci narranti sono aggressive, sanguigne, anche quando si tratta di ricordare sconfitte o défaillances.

Giacobbe Fragomeni invece, attraverso una voce piana, spesso ingenua e mai priva d’incertezze, non racconta la storia di un campione del mondo, ma quella di un pugile che per un po’ è stato il più forte di tutti.

Fin dal principio non c’è predestinazione, da piccolo non è stato marchiato dopo aver ascoltato in radio “il massacro di San Valentino” di LaMotta e Sugar Ray o dopo aver visto in tv “Finally” di Tyson e Holyfield.

Nella palestra di via Mascagni, a Milano, “il Gabibbo” Fragomeni s’iscrive, prima di tutto, per dimagrire.

Giacobbe Fragomeni: La nascita del Campione

Giacobbe FragomeniGiacobbe Fragomeni è una delle tante rivelazioni dell’ultima edizione dell’Isola dei Famosi.

Partito in sordina e senza veli, il pugile si è fatto spazio tra gli altri naufraghi, conquistando i compagni e il pubblico con la sua maturità, forza d’animo e gentilezza

Giacobbe Fragomeni nasce il 13 agosto 1969 a Milano in una famiglia di origine calabrese, cresciuto nel quartiere periferico di Stadera

La sua infanzia è segnata dai continui litigi tra i genitori, ora entrambi deceduti. Poco più che adolescente, fronteggia la scomparsa della sorella Letizia, morta di AIDS, e, successivamente, la sua grave dipendenza da alcol e droghe, ammettendo di averle provate un po’ tutte e d’essere stato a un passo dal tentare il suicidio.

Nel maggio del 1990 Giacobbe ha vent’anni, “Di solito l’avvicinamento a questo alla box avviene quando si è più giovani”, si legge nell’autobiografia scritta con Valerio Esposti, Fino all’ultimo round.

“Ma non mi sentivo particolarmente svantaggiato per aver iniziato più tardi rispetto alla media.”

L’idea della palestra gli è venuta in mente quando ha visto passare il tram numero 15

La carrozza veniva da via Volvinio e stava rallentando per fermarsi a piazza Agrippa. Giacobbe, uscito di casa per andare a lavorare, se la vede scorrere davanti e si lancia all’inseguimento

“Quando cominciai a prendere l’andatura volevo già fermarmi. Mi sembrava una distanza infinita”.

Con le mani sui fianchi, madido di sudore realizza di avere un problema, decide così di iscriversi alla Doria.

La boxe è stata determinante per aiutarlo a porre fine alle sue dipendenze, permettendogli di sublimare rabbia, ansie e paure sul ring.

Viene scoperto e allenato da Ottavio Tazzi (detto il “Nonno” o il “maestro dei maestri”), che considera una figura paterna e grazie al quale comincia a saltare la corda a 20 anni e a 21 sale sul ring per la prima volta.

Dopo le prime lezioni di pre-pugilistica, stanco di dare pugni all’aria, correre sul posto e fare piegamenti, un pomeriggio prima del riscaldamento, Giacobbe informa il suo maestro: “Voglio combattere anch’io”. “Ma che cazzo dici?”, gli risponde Tazzi: “Ma se sei un ciccione”.

Ottavio Tazzi è conosciuto a Milano con il soprannome di “el maester dei maester”. L’allenatore storico della Doria, preparatore di alcuni allievi che diventeranno poi campioni mondiali, ha una strana predilezione, le mezzeseghe.

In coda alla canzone Boxe a Milano di Pacifico si sente la voce registrata di Ottavio, “Io sono più affezionato ai brocchi, i brocchi che ho avuto nel passato, perché anche loro hanno il coraggio di andare sul ring. Entrare nel ring non è da tutti

Giacobbe Fragomeni in quei primi allenamenti è grezzo come un principiante, per capire che il pugilato può diventare il suo sport “non bastarono due o tre mesi”, perché come lui stesso ammette: “Un dilettante alle prime armi non è Mike Tyson”

A 22 ha già combattuto in una cinquantina di incontri da dilettante.

Nel gennaio 1993 ha indossato la prima maglia azzurra. Tra le sue vittorie spiccano la medaglia di bronzo ai campionati mondiali di pugilato dilettanti del 1997 a Budapest e quella d’oro ai campionati europei di pugilato dilettanti del 1998 a Minsk.

Nel 2000 ha partecipato ai Giochi della XXVII Olimpiade a Sydney.

Dal 1º gennaio 2001 è entrato a far parte dei professionisti. Ad agosto dello stesso anno si é infortunato al bicipite brachiale ed è stato costretto ad uno stop di quasi un anno.

L’11 novembre 2007, sotto la guida tecnica di Patrizio Oliva ha sfidato il pugile britannico David Haye per la conquista del titolo europeo dei pesi massimi leggeri EBU ma è stato sconfitto alla nona ripresa, in un incontro che fino a quel momento aveva sostanzialmente dominato.

Il 24 ottobre 2008 ha conquistato al Palalido di Milano il titolo di campione del mondo WBC nella categoria dei pesi massimi leggeri, battendo ai punti il pugile ceco Rudolf Kraj

Dopo aver conquistato il titolo iridato dei pesi mediomassimi ha ricevuto dall’allora sindaco di Milano, Letizia Moratti, l’Ambrogino per la sua testimonianza di vita.

Oltre ai meriti sportivi, il pugile ha meritato il riconoscimento anche per l’impegno profuso nel costruire una palestra allo Stadera, il quartiere dove è cresciuto.

Il 16 maggio 2009 ha ottenuto al Gran Teatro di Roma la prima difesa del titolo, pareggiando ai punti l’incontro con il pugile polacco Krzysztof Wlodarczyk e portando il suo record personale a 26-1-1 con 10 K.OGiacobbe FragomeniIl 22 novembre 2009 viene battuto ai punti dal pugile ungherese Zsolt Erdei a Kiel, perdendo il titolo.

Il 12 marzo 2012 per la cintura mondiale “silver” versione WBC dei massimi leggeri, affronta l’altro pugile italiano Silvio Branco, al termine delle dodici riprese l’incontro viene giudicato pari.

Alla vigilia della ripetizione dell’incontro Branco provocatoriamente acquista la cintura dei pesi massimi leggeri versione Wbc pratica peraltro regolare e possibile rivolgendosi direttamente alla Wbc e pubblica sul proprio profilo facebook le foto con indosso la cintura di Giacobbe.

Il 15 dicembre 2012 a Riva del Garda, i due si giocano la possibilità di disputare il Mondiale. L’incontro è il primo nella storia della boxe al termine del quale non viene letto il verdetto.

Il 17 dicembre 2012 la World Boxing Council dirama una nota ufficiale indicando in Giacobbe Fragomeni il vincitore del match, senza indicazione dei punteggi.

Il 7 dicembre 2013, in qualità di sfidante ufficiale, Fragomeni affronta il campione del Mondo Krzysztof Wlodarczyk. Il combattimento si svolge all’UIC di Pavillon, nella città di Chicago.

Il pugile italiano è accompagnato all’angolo dal maestro Maurizio Zennoni e dal suo procuratore Salvatore Cherchi. Nel corso della quarta ripresa Fragomeni viene messo al tappeto da un sinistro di Wlodarczyk.

Al termine della sesta ripresa il personale medico viene inviato all’angolo italiano per esprimersi sulla gravità di una ferita sullo zigomo sinistro di Fragomeni.

Il medico suggerisce di interrompere l’incontro ed il pugile italiano spontaneamente abbandona.

Il 24 ottobre 2014 torna sul ring provando a sfilare la cintura europea al campione russo Rakhim Chakhkiev, ma viene messo ko nel corso della 4° ripresa.

Giacobbe Fragomeni: Il Match senza Verdetto

Giacobbe Fragomeni

Il 15 dicembre 2012 a Riva del Garda, nel rematch dell’incontro valevole per il titolo WBC cruiser weight d’argento Giacobbe Fragomeni affronta Silvio Branco.

L’incontro è il primo nella storia della boxe al termine del quale non viene letto il verdetto.

Al suono dell’ultima campana infatti alcuni membri dello staff Branco si scagliano violentemente contro l’allenatore di Giacobbe Fragomeni, Maurizio Zenoni, reo di aver redarguito l’arbitro anziché incoraggiare il proprio pugile, nel minuto all’angolo precedente l’ultima ripresa.

La situazione ritorna rapidamente alla normalità, ma non si riesce a far sgomberare il quadrato malgrado le insistenze di Alessandro Duran che, in qualità di telecronista dell’incontro per il canale Sport-italia, chiede ed ottiene dai giudici la consegna del verdetto, ma il supervisore WBC, di comune accordo con gli addetti alla pubblica sicurezza, interviene disponendo la non lettura dei cartellini “per ragioni di ordine pubblico”.

Alla conta nel corso dell’ottava ripresa un giudice valuta l’incontro in parità, mentre secondo e terzo giudice lo valutano a favore di Fragomeni.

Il 17 dicembre 2012 la World Boxing Council dirama una nota ufficiale indicando in Giacobbe Fragomeni il vincitore del match, senza indicazione dei punteggi. Il team Branco presenta ricorso

Giacobbe Fragomeni: Televisione

Dal 9 marzo 2016 è uno dei concorrenti dell’undicesima edizione del reality L’isola dei famosi, nella categoria “Desnudi”.

Successivamente è stato scelto dal gruppo dei “famosi” per passare a Cayo Paloma e successivamente a Playa Uva.

Giacobbe Fragomeni Vince l’Isola dei Famosi 2016

FINO ALL’ULTIMO ROUND

Giacobbe Fragomeni: Gli Esordi nella Box

Giacobbe Fragomeni

Ottavio scommette su quel ragazzo e lo fa salire sul ring per la prima volta, il 23 marzo 1991, pochi mesi dopo la sua iscrizione in palestra.

“L’anno prima vagavo tra via Montegani e Barrili per farmi un pippotto, non sapevo neanche mettermi le bende.”

Ai Campionati Nazionali di Sanremo in palio c’è l’ingresso nella squadra italiana, ma perde in finale contro Vincenzo Cantatore.

Il pugile dello Stadera è comunque contento, “Gli diedi del filo da torcere”

La sua prestazione in effetti convince gli osservatori della Nazionale che decidono di convocarlo lo stesso.

Non lo chiama nessuno, Giacobbe lo scopre leggendo una Gazzetta dello sport sull’autobus che lo porta a lavoro

La carriera in Nazionale di Giacobbe Fragomeni non è un’ascesa devastante alla consacrazione, ma una serie di incontri convincenti.

Non sono tutti successi, ma le sconfitte non pregiudicano mai le successive convocazioni. D’altra parte a Giacobbe sembra non interessare solo il risultato del match

“Stavo per vincere, così il commissario tecnico ha detto minchia sto ragazzo ha fegato, io me lo tengo”.

Una delle conseguenze più scontate del non avere il colpo del KO è non essere certi di aver vinto l’incontro fino a quando l’arbitro non alza il tuo braccio.

E non è un mistero che nella boxe quando si lascia fare alla sorte si rischi spesso la polemica e il ricorso contro il verdetto dei giudici.

Ai Giochi del Mediterraneo del 1997, Giacobbe sconfigge in finale Benguesmia.

L’angolo del pugile algerino non accetta il verdetto dei giudici che non coincide con quello delle macchinette segnapunti.

L’organizzazione dà ragione all’entourage di Benguesmia e Giacobbe è costretto a riconsegnare la medaglia d’oro.

Al ritorno in Italia, l’Aiba (l’Associazione Internazionale Boxe Amatori) infischiandosene del verdetto internazionale lo decreta comunque vincitore.

La fortuna o la sfortuna sono accolte da Fragomeni sempre con umanità. Lui stesso ammette che “d’accordo essere forti, ma avere fortuna aiuta, non è un dettaglio”.

Ai Campionati Mondiali di Budapest accade l’inverso, raggiunto il quarto posto alla fine del torneo, si vede assegnata la medaglia di bronzo dopo che il pugile che lo aveva battuto, Chagaev, era stato scoperto dalla commissione disciplinare aver commesso una violazione del regolamento, passando dai pro agli amatori.

A Minsk, in Bielorussia, contro Dychkov, padrone di casa, Giacobbe fa tutto da solo e conquista la medaglia d’oro.

L’incontro parte male. I pugni di Dychkov sono piazzati, anche se non provocano dolore. Ai punteggi di fine round Giacobbe è sotto.

“Temevo solo una cosa, di fare brutta figura.”

Il match cambia registro nella seconda metà, quando Giacobbe si sveglia e ritorna con la guardia alta e non permette più colpi al viso. A metà dell’ultima ripresa il punteggio è di parità, ma nell’ultima frazione Giacobbe riesce a scaricare finalmente i colpi decisivi sul bielorusso “che per poco non buttavo giù”.

Dopo trent’anni riporta in Italia uno dei massimi trofei dei dilettanti.

Ottavio intervistato anni dopo nel documentario Senza Tregua si commuove a ripensarci, anche se non ricorda dove è stato combattuto il match. Fragomeni, fuori campo, gli urla “a Minsk!”.

Quando l’intervista con Ottavio riprende spunta in camera Giacobbe che gli si siede accanto a mettersi le bende:

“Quante cazzate stai dicendo?” gli chiede. Ottavio non risponde. “Mi dai un bacio in bocca?”

Il maestro alza gli occhi al cielo e sorride. Poi Giacobbe gli salta addosso e glielo dà.

“È uno buono”, dice Tazzi dopo la colluttazione: “Un po’ troppo ingenuo”.

In effetti Fragomeni sembra avere un tipo di spensieratezza che non si addice ai pugili. Nei Campionati del mondo del 1998 Giacobbe deve disputare la finale, ma nel precedente incontro si è fratturato il naso, così è costretto al forfait:

“Forse è stata la cosa migliore, dato che mi sarei scontrato con un vero bestione”.

Giacobbe Fragomeni: Pugile Professionista

Ognuno ha le mani che si merita

Il suo debutto nei professionisti, passaggio avvenuto nel 2001, è più che convincente.

Nei primi cinque anni di combattimenti non è mai stato sconfitto. Su ventuno incontri nove li ha vinti prima del limite.

A metà novembre del 2006 incontra David Haye, un forte pugile britannico.

In palio c’è la cintura di campione europeo cruiserwieght WBC.

Haye si presenta all’incontro con una sconfitta, ma quello che spaventa del suo score è l’alto numero di vittorie per KO.

Non soltanto la maggior parte del pubblico inciterà Haye, ma a Giacobbe sembra che anche il suo entourage non sia convinto che ce la possa fare. Giacobbe si domanda addirittura se stessero andando a un funerale.

Alla conferenza stampa pre-match qualcuno chiede al pugile italiano se sa a cosa va incontro.

Lui scruta per un attimo l’avversario e poi risponde al giornalista, “Sì, qual è il problema?”

Sul ring quando si toglie la maglietta Giacobbe sembra capire finalmente il perché di tante preoccupazioni.

Haye è alto un metro e novanta e peserà quasi cento chili. “Ma chi cazzo era, il fratello di quello di ieri sera?”

Nel primo round Fragomeni è cauto e si copre altissimo. Haye scarica colpi a distanza, lui può, le sue braccia lunghe glielo permettono.

Quando Giacobbe schiude la guardia è soltanto per scaricare ganci velocissimi, sempre in combinazione.

Frago non indietreggia mai, non un solo passo indietro, sempre sotto, costringe Haye alle corde, vuole chiuderlo all’angolo, ma i suoi guantoni per un attimo sono molli e vengono perforati da un tremendo uno-due di Haye che gli piega la testa all’indietro.

Nelle successive tre riprese, Fragomeni usa sempre la stessa tecnica, passo, passo, chiuso. Passo, passo, passo, chiuso.

Prende colpi larghi al corpo e alla testa che vibra, ma il pugile non crolla. Si sta però irrigidendo, è troppo contratto a causa di questa prolungata situazione di difesa.

L’inizio della quarta ripresa è più brioso per Fragomeni. Haye si rende conto che i colpi che sta portando non danno l’effetto sperato, il suo avversario è ancora lì, a minacciare il suo orizzonte.

Al sesto round, dagli spalti si sente ora un coro d’italiani, “Non mollare mai”. Haye è in difficoltà, adesso tocca a lui accusare un sinistro-destro alla testa.

A meno di un minuto dalla fine del round Fragomeni si distrae, lascia il viso scoperto e Haye gli è addosso in una frazione di secondo.

Stretto alle corde, Frago prende numerosi colpi alla testa, ma le gambe reggono di nuovo.

Ogni campanella di fine ripresa è una preoccupazione più grande per il britannico.

Al settimo round, dall’angolo, Patrizio Oliva grida a Giacobbe di muovere il tronco, è troppo rigido

(“Patrizio era il mio joystick, e io il suo videogioco”)

Il pugile esegue e scarica prima un sinistro destro, e poi un sinistro destro al doppio della velocità. Haye è ferito, dalla tempia cola sangue sul sopracciglio.

L’arbitro non ferma l’incontro per permettere le cure.

A quel punto Fragomeni deve aver pensato al colpo del KO (“ognuno ha le mani che si merita”), al non poter fare altro che proseguire l’incontro e mantenere il ritmo alto.

Il sangue copre tutto l’occhio di Haye. L’arbitro non se la sente di stoppare il match e Fragomeni cerca di non demoralizzarsi.

Adesso è lui in pieno controllo, si riapre la ferita di Haye. Due ganci potentissimi di Giaco non lo buttano giù, come previsto.

Il britannico però è stretto alle corde, vede da un occhio solo. Ma questo gli basta per trovare il punto dove abbattere Fragomeni.

Lo colpisce vicino all’orecchio, dietro la testa, e il dolore è insopportabile.

E da montagna, Frago diventa d’un tratto un uomo. Scappa sul quadrato, mentre Haye lo insegue e cerca di colpirlo, come un bullo.

L’arbitro ferma l’incontro, Fragomeni è crollato, si è accucciato sotto le corde, con i guantoni sulla testa e una smorfia in viso che sembra quella di un bambino.

Giacobbe Fragomeni: Batte Rudolf Kraj

Difendere il Titolo 

Un anno dopo, nell’ottobre 2008, Fragomeni, nella sua Milano, davanti al suo pubblico, è campione del mondo dei massimi leggeri WBC, a 39 anni ha battuto Rudolf Kraj. Sul ring indossa una maglietta che raffigura il volto di Haye.

“Sono stato l’unico campione mondiale a non aver festeggiato.” Giacobbe dopo la vittoria si separa dalla moglie, è costretto a dire addio anche a sua figlia.

Litiga con la nuova ragazza e il suo manager. Il regolamento del pugilato lo costringe a rimettere i guantoni e difendere il titolo dall’attacco di Krzysztof Wlodarczyk.

In quel match cade due volte, è un incontro iniziato male.

La sua rimonta parte dalla decima ripresa. Finisce con un pareggio, è ancora campione, chissà per quanto ancora.

Il match successivo, contro Erdei lo costringe a restituire la cintura.

Anche in quel match le cose si mettono male da subito, e la rimonta negli ultimi tre round non basta.

Giacobbe Fragomeni torna a essere uno sfidante.

Lascia Milano, per allenarsi con Maurizio Zennoni a Lesignano de’ Bagni. Vuole riprendersi la cintura.

Il nuovo allenatore sa come aiutarlo, “È un guerriero sul ring, un bambino fuori, ha bisogno di certezze”. Per guarire le ferite alle mani Fragomeni fa continue immersioni nel siero del casaro, prima di metterle nell’acqua ghiacciata.

Alterna gli allenamenti in palestra con corse tra le montagne. Un allenamento antico che gli ricorda quello di Rocky.

Correre all’aria aperta gli piace tantissimo, soprattutto per il paesaggio, “Un giorno ci capitò persino di vedere due caprioli, non succede tutti i giorni, bisogna essere fortunati”.

Per prendersi la cintura deve salire sul ring e affrontare di nuovo Wlodarczyk, e anche stavolta il “Diablo” lo sbatte al tappeto.

Fragomeni si rialza, come sempre, ma alla sesta ripresa l’arbitro valutando l’entità della ferita allo zigomo consiglia a Giacobbe di ritirarsi e lui accetta.

“Non è perché sono stato campione del mondo allora sono diverso. Quello è sport, la mia passione, ma sono sempre lo stesso.

” Nella terza parte della sua carriera, dopo la sconfitta con Erdei, che avrebbe segnato la fine di un qualunque pugile quarantenne, e dopo aver fallito il secondo match con Wlodarczyk, la carriera di Fragomeni continua come se niente fosse successo.

Sono il corpo, le abitudini, il tipo di allenamento che devono mutare, plasmarsi al tempo che passa, agli affaticamenti dell’età.

Il resto non cambia.

Fragomeni si trasferisce in Messico, con il suo amico Salvador Birman, un operatore finanziario col pallino della boxe.

Diventa il suo personal trainer, “Nella sua villa c’è pure una palestra!”

Gli piace stare in compagnia del ricchissimo messicano, lui al lusso non è mai stato abituato.

“Possiede un elicottero, un aereo privato, gira in Ferrari, è scortato dalle guardie del corpo, frequenta i migliori ristoranti e alberghi.”

Nel primo match di questa perentesi oltre oceanica, contro un modesto pugile, quello che frega Giacobbe durante le prime riprese è l’emozione:

“Boxare davanti a tanti spettatori eccellenti.Sfido chiunque a non sentirsi le gambe tremare”.

A fine incontro rilascia un’intervista in cui dice:

“D’ora in poi, chiamatemi Giacobbe ‘il Mexicano’ Fragomeni”

Giacobbe Fragomeni: La Riconquista del Titolo

Giacobbe Fragomeni ha quarantacinque anni e quando si guarda indietro ringrazia il pugilato anche perché gli ha permesso di andare in giro per il mondo.

Prima di iscriversi alla Doria, l’unico viaggio che aveva fatto era stato durante il miliare, da Treviso alla Calabria.

“Sono stato in decine di nazioni. Mi è capitato di vedere paesaggi e conoscere popoli diversissimi tra loro.”

Un pugile che arriva a quarantacinque anni è anche un uomo che invecchia e comincia ad avere preoccupazioni pratiche sulla salute (“ogni volta che inizia un combattimento nel mio inconscio c’è una consapevolezza, dopo un colpo troppo potente o preso male potrei lasciarci la pelle”) e sul futuro (“dopo il ritiro dalle competizioni dovrò trovarmi un lavoro.

Quando sarò vecchio che cosa mi rimarrà? Non ho una pensione”).

Intanto lui continua a boxare, a vincere, a perdere.

Ha incontrato Wlodarczyk un’altra volta sul ring, ed è stato messo al tappeto di nuovo. Non si è ancora ripreso la cintura di campione del mondo, forse non ci riuscirà più, e molti per questo vogliono il suo ritiro.

Ma è inutile chiedere di rispettare i tempi a un pugile che non ha mai corrisposto le aspettative.

“Sono nato solo per lottare…” ha detto Giacobbe. Poi si è reso conto: “Che palle, eh?”

Giacobbe Fragomeni: Il Colpo da K.O.

Giacobbe Fragomeni è un allievo volenteroso, né più né meno bravo di altri ragazzi che frequentano la Doria.

“Nessuno mi disse puoi diventare un campione.”

Dopo aver perso trenta chili, segue con attenzione le lezioni di tecnica di Ottavio.

L’allenatore deve risolvere due limiti del ragazzo. Il suo fisico tozzo, un peso massimo alto un metro e settantasette non gli permette di controllare il suo avversario a distanza.

Combattere in quella categoria vuol dire trovarsi all’altro angolo avversari colossi:

“Mi hanno detto devi scendere di peso, i massimi sono troppo per te“.

(La similitudine che Giacobbe usa di più per descrivere i suoi avversari non a caso è “una montagna”.)

Il problema dell’altezza si può risolvere nello stesso modo in cui Cus D’Amato lo spiegava a Tyson, guardia sempre alta, il viso coperto da entrambi i guantoni e avanzare in direzione del nemico chiuso come una tartaruga, frontale e coi gomiti stretti.

Non allontanarsi mai dalla “montagna”, aspettare di vedere la luce da una piega e colpire lì, con potenza, e frantumare la barricata.

Ma il secondo problema di Giacobbe è la mancanza di questo colpo decisivo. Per quanto si alleni in palestra, nei pesi e nei piegamenti, i pugni di Giacobbe non sono risolutori. “Ognun el gà i mann che sè merita” dice Ottavio, “ognuno ha le mani che si merita”

Il ragazzo impara così che non potrà mai affidarsi al colpo in più ma sul ring dovrà muoversi sempre in sequenza, combinazioni di pugni veloci e precisi per tutta la ripresa che se non faranno sprofondare una “montagna” almeno la sbricioleranno a picconate.

“Tre minuti per ogni mio avversario”, dice Giacobbe, “Devono essere tre minuti veri”.

Giacobbe Fragomeni: Vita Privata

Giacobbe Fragomeni

La sua vita familiare è stata segnata dai continui litigi tra i suoi genitori, ora entrambi deceduti. Ha più volte ammesso di aver trovato la figura paterna nel suo allenatore “Nonno” Tazzi.

Poco più che adolescente, ha dovuto fronteggiare la scomparsa della sorella Letizia, morta di Aids, e successivamente la sua grave dipendenza da alcol e droghe, ammettendo di averle provate un po’ tutte e d’esser stato ad un passo dal tentare il suicidio.

La boxe è stata determinante per aiutarlo a porre fine alle sue dipendenze, permettendogli di sublimare rabbia, ansie e paure sul ring.

L’incontro con la disciplina del pugilato è stato casuale, quando si è presentato nella palestra di Tazzi il suo unico intento era perdere peso, il notevole sovrappeso gli creava disagi sul lavoro e nella vita di relazione. La boxe è servita a fargli acquisire la forma fisica ottimale.

Nel 2009 il giornalista Valerio Esposti ha scritto per lui “C’era una volta il buio: biografia di Fragomeni”, che il 22 aprile è stato presentato all’istituto Agostino Bassi di Lodi.

Dal 2010 Fragomeni si è trasferito a Mulazzano Ponte, nel piccolo comune parmense di Lesignano de’ Bagni, per dedicarsi con maggior dedizione all’attività sportiva, lontano dalle distrazioni della metropoli lombarda.

Fragomeni con Morena Fraschini ha avuto una figlia nel 2005, che ha chiamato Letizia, in ricordo di sua sorella.

Dal 2013 convive con la sua fidanzata Sara Rossetti la project manager di cui il campione si è innamorato nel 2010.

Appassionato di tattoo, pochi giorni dopo essere diventato papà, si è fatto tatuare il nome della figlia sul collo.

È un grande tifoso del Milan e amico personale di Gennaro Gattuso e di molti altri giocatori e dirigenti della squadra di calcio milanese

Segue anche la squadra di hockey milanese, la Hockey Milano Rossoblu.

Il 21 novembre 2013 la Limina Edizioni pubblica “Fino all’ultimo Round” la prima autobiografia di Giacobbe Fragomeni.

Giacobbe Fragomeni: Tra Alcol Droghe e Violenze

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni abita in via Barrili, nella periferia sud di Milano, nel quartiere Stadera, rinominato dagli abitanti della zona la Baia del Re, in ricordo dell’ultimo avamposto scandinavo dal quale un dirigibile partì per il Polo Nord.

Sulla pagina Wikipedia del quartiere, tra le personalità nate nella Baia del Re, compare solo il suo nome. Dei ragazzi che giocavano in quel cortile, ricorda Giacobbe, “non è sopravvissuto nessuno”.

Nella casa di sessanta metri quadri viveva con i genitori e le due sorelle più grandi, Edda e Mary.

Quando ripercorre quel cortile, trent’anni dopo, nel documentario Senza Tregua, si ferma davanti a una porta di legno scuro, chiusa, e ricorda che lì sotto, sepolti in cantina, c’erano i tossici che si bucavano al buio e lo terrorizzavano quando doveva andare a buttare l’immondizia. “Erano zombie”, incurva la schiena, schiaccia il mento al petto e lascia le braccia penzoloni: “Stavano così. Poi quando arrivava lo spacciatore, oh minchia, vuuuuuuum“

Davanti alla telecamera Giaco è spensierato: racconta, corre, ride e grida.

A un certo punto acchiappa il suo ex vicino di casa “Francuzzo” che vedendo le telecamere si era rintanato nell’atrio di un palazzo:

“Mi piaceva sto ragazzo. Purtroppo la famiglia… il papà era quello che era”.

Tra Alcol Droghe e Violenze: Il Padre

Nicola Fragomeni lavorava come parchettista, prima di diventare un alcolizzato a tempo pieno.

Picchia la moglie e le figlie.

Giacobbe sente di dover intervenire, ma non sa come.

Un giorno, in camera da letto il padre tira un calcio alla moglie e il ragazzo che assiste alla scena non si trattiene: “Non mi sto vantando”, precisa Giacobbe prima di proseguire la cronaca.

Schizzato fuori dal letto atterra sul petto del padre. Nicola non ha tempo di difendersi che il figlio gli prende la testa con le mani e gliela sbatte sul pavimento, fino a farlo svenire.

“Ero terrorizzato”, dice Giacobbe, “Ero terrorizzato da una sua possibile reazione”.

Quando il padre torna a casa dall’ospedale, come prima cosa pensa a farsi un bicchiere di vino e poi dimentica di vendicarsi.

Dopo quell’episodio l’antifona riprende, “Polizia, carabinieri, mazzate, mobili che si spaccano, piatti, botte, schiaffi, tutta la mia infanzia, tutta così”.

Per calmare l’ennesima mattanza di Nicola, Giacobbe corre in cucina e impugna un coltello ma la madre in corridoio gli blocca il passaggio, “Fu una vera fortuna, e darle retta fu la cosa più intelligente che potessi fare. L’odio che avevo in corpo era talmente grande da potermi spingere a fare un’enorme cazzata. Se mi fossi vendicato si sarebbero aperte immediatamente le porte del riformatorio”.

Qualche mese dopo, il padre, che intanto aveva trovato un lavoro come parcheggiatore, dopo un diverbio con un collega viene massacrato con una spranga di ferro.

“Mio padre ha avuto la sfortuna… la fortuna! di essere stato in coma.”

La madre in quel periodo comincia a stare male ed è costretta a ricoverarsi in ospedale sempre più spesso.

Giacobbe viene lasciato dalla ragazza, la sorella Maria Letizia muore di AIDS, “ho passato il peggior compleanno della mia vita”, inizia a bere e drogarsi, “ero un tossico”, “non avevo voglia di vivere, non avevo voglia di morire”, il padre prima di spirare gli dice:

“Beato chi muore e in culo a chi resta”.

Giacobbe non sa che fare, “e così sono partito co sto fatto del pugilato”.

Giacobbe Fragomeni: Il Pugile si Racconta

Giacobbe Fragomeni: «Nel giardinetto proprio sotto il mio asilo, c’era il ritrovo dei tossici. Non c’erano le mattonelle, c’erano le siringhe sotto i piedi comprate nella farmacia di fronte. Le cantine del cortile del mio stabile erano ancora aperte e ci si drogava giù per le scale. Ho trovato ragazzi morti, quanti funerali ho visto. Per me la droga era una compagna perché volevo evadere da situazioni familiari difficili. Poi è morta mia sorella Letizia detta Mary, malata di HIV, uccisa da una dose tagliata male. Ero rimasto solo con mia madre, e ho detto basta, uno normale dev’esserci».

Il padre ex parquettista, poi parcheggiatore abusivo: «Era un alcolizzato. E quando beveva picchiava Rita, la mamma. Papà entrava e usciva di galera. Gli piaceva il gioco delle carte, ci ha lasciati con una montagna di debiti. Di soldi in casa ne entravano davvero pochi. Ero un ragazzino di 13 anni, un ingenuo. Pensavo che se avessi tolto il vino a mio padre lui non si sarebbe più ubriacato. E stato così che ho cominciato a bere. Non avevo capito che a lui bastava un bicchiere per trasformarsi. Allora ho deciso di ribellarmi, ho avuto degli scontri duri con lui. La notte mi svegliavo, sentivo che se la prendeva con mamma e io non potevo fare niente. Poi, qualcuno ha massacrato lui di botte. I dottori lo hanno curato, gli hanno prescritto delle medicine. Le mandava giù con il vino. Fino a quando, il 6 gennaio del 1990, è morto di cirrosi epatica».

«Nessuno di noi pianse. È brutto dirlo ma fu una liberazione», scrive Fragomeni nella sua autobiografia Fino all’ultimo round.

Smessa la divisa, abbandonate le sbronze e gli sballi, Giaco inizia a lavorare come asfaltista, dalle quattro del mattino alle quattro del pomeriggio. Pesa 120 chili, non riesce a prendere un tram perché il fiatone lo tradisce.

Vede un ragazzo del quartiere con la borsa della Doria, palestra-tempio della boxe milanese, e gli chiede informazioni.

Decide di iscriversi, soprattutto per perdere peso. E la sua storia cambia

«Perché parlo di droghe? Perché è giusto sapere da dove si viene. Ne ho presa talmente tanta da piccolo quando pesavo 120 chili, ne ho fatto tanto uso che adesso mi fa schifo, non ne voglio sentire neanche l’odore, mi irrita e mi spaventa. Lo sport mi ha aiutato tanto, mi ha dato tutta la forza per uscire. Salendo sul ring mi sono preso la responsabilità: a botte fai tu, non gli amici. Devi dedicarti anima e corpo. La boxe mi ha aiutato a diventare uomo e a uscire dalla droga».

Il primo match lo ha combattuto da dilettante a 21 anni: «Me lo ricordo sì, a Savona, contro Ruocco, un ruffone, quelli che legano e danno testate. Vinsi per squalifica»

Giacobbe Fragomeni ha il sorriso mite di Liam Neeson in Schindler’s List e la stessa feroce determinazione. Neanche un metro e ottanta per 90 chili di peso quando è in forma, massiccio ma non enorme, cranio rasato e occhi azzurro scuro come il nonno Giacobbe (un pugliese da cui ha preso il nome e un’incapacità genetica di parlare il milanese, nonostante a Milano ci sia nato)

Fragomeni ha un viso uscito abbastanza indenne da 25 anni sui ring, migliaia di round e 182 combattimenti ufficiali, tutti vinti tranne 5 più 2 pareggi.

L’italoamericano Antuofermo, re dei pesi medi per una breve ma entusiasmante stagione, uno che ha dovuto farsi la plastica per i tanti colpi che l’hanno sfigurato, si presentava così: “Vito sanguina dal viso, mai dal cuore”

E Giacobbe dove sanguina? “Non sanguino. Ho la pelle da motociclista, è difficile che si spacchi, anche se la mia è una boxe frontale.

Gli avversari ti pizzicano, ovvio”. Ti pizzicano? “Sì, è un modo per dire quando il pugno lo senti”.

A furia di pizzicate, quanti punti di sutura ha rimediato?

“Tra testa, braccia e il resto, saranno un 200, 250”»

Dal 1998 fa solo il pugile. Ha rischiato di chiudere presto, nel 2002 distacco del tendine del braccio sinistro. C’è voluto un miracoloso trapianto per non sentire il brivido.

«Mi piacerebbe combattere a San Siro, non perché tifo Milan, ma per sentirmi davvero un pugile dei tempi antichi.  Sarebbe ideale un mondiale subito dopo una partita del Milan. O meglio, quando c’è il derby»

A dispetto del soprannome vagamente imbarazzante (il Gabibbo) ha doti e spessore per essere considerato uno dei massimi leggeri più bravi d’Europa

Grande appassionato di tatuaggi, si è fatto incidere il nome della prima figlia Letizia Maria (2005) sul collo

«Tutti gli altri hanno qualcosa a che fare con eventi speciali della mia vita»

Separatosi dalla moglie Morena Fraschini, ora convive con la sua project manager Sara Rossetti a Lesignano de’ Bagni (Parma)

Giacobbe Fragomeni: FOTO GALLERY

Questo slideshow richiede JavaScript.

 © Articolo protetto da copyright ©

© Contiene il “Diritto Di Corta Citazione” ©

Il sito internet www.newsleaksglobal.com viene costantemente aggiornato dalla redazione online, allo scopo di diffondere l’informazione 

facebook News Leaks Global

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About News Leaks